ASCOLTA

RADIONOVA97

Traccia corrente

Titolo

Artista


Grammy Awards 2018

Scritto da il 29 Gennaio 2018

Il Madison Square Garden di New York ha ospitato  la 60° edizione dei Grammy Awards, condotta da James Corden.

Anche la cerimonia di premiazione degli Oscar della musica ha spostato l’attenzione su #metoo e Time’s Up, i due movimenti, nati dopo lo scandalo Weinstein, che sostengono le donne vittime di violenza. Se ai Golden Globe tutti erano vestiti di nero, in questo caso il simbolo della lotta alle molestie è stata una rosa bianca, in ricordo delle suffragette che vestivano di bianco per rivendicare il diritto delle donne al voto. Il momento clou della serata è stata l’esibizione di Kesha, che ha cantato “Rainbow“, uscito la scorsa estate, che ha segnato il ritorno della cantante statunitense dopo la lunga battaglia legale nei confronti del suo produttore, accusato di molestie. La performance ha visto la partecipazione anche di Camila Cabello, Cyndi Lauper, Julia Michaels e Andra Day. Molti sono stati gli interventi, tra cui quelli di John Legend, Cher, Snoop DoggHilary Clinton che hanno letto alcune parti del libro del Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, facendo dell’ironia sulla sua nomination nella categoria Spoken Word. Il momento più commovente della cerimonia è stato sicuramente il tributo in memoria delle vittime della strage al festival di Las Vegas dello scorso ottobre, con “Tears In Heaven” di Eric Clapton interpretata dalle voci di Eric Church, Maren Morris e Brothers Osborn. Record di candidature per Jay-Z, in gara in 8 categorie, ma il rapper statunitense torna a casa a mani vuote. Sbanca tutto, invece, Bruno Mars che ottiene 7 statuette su 7 candidature. Unica donna premiata della serata Alessia Cara.

Questa è la lista completa dei vincitori:

Album of the Year: “24K Magic”, Bruno Mars
Record of the Year: “24K Magic”, Bruno Mars
Best Song of the Year: “That’s What I Like”, Bruno Mars
Best Country Album: “From A Room: Volume 1”, Chris Stapleton
Best Comedy Album: “The Age of Spin & Deep in the Heart of Texas”, Dave Chapelle
Best Rap Album: “DAMN.”, Kendrick Lamar
Best Pop Solo Performance: “Shape of You”, Ed Sheeran
Best New Artist: Alessia Cara
Best Rap/Sung Performance: “Loyalty” – Kendrick Lamar featuring Rihanna

Pop vocal album: Ed Sheeran, “÷ (Divide)”
Traditional pop vocal album: AAVV, “Tony Bennett Celebrates 90”
Pop duo/group performance: Portugal. The Man, “Feel It Still”
Country song: Chris Stapleton, “Broken Halos”
Country solo performance: Chris Stapleton, “Either Way”
Country duo/group performance: Little Big Town, “Better Man”
Rap song: Kendrick Lamar, “Humble.”
Rap performance: Kendrick Lamar, “Humble.”
R&B album: Bruno Mars, “24K Magic”
Urban contemporary album: The Weeknd, “Starboy”
R&B song: Bruno Mars, “That’s What I Like”
Traditional R&B performance: Childish Gambino, “Redbone”
R&B performance: Bruno Mars, “That’s What I Like”
Alternative music album: National, “Sleep Well Beast”
Rock album: War on Drugs, “A Deeper Understanding”
Rock song: Foo Fighters, “Run”
Metal performance: Mastodon, “Sultan’s Curse”
Rock performance: Leonard Cohen, “You Want It Darker”
American roots song: Jason Isbell And The 400 Unit, “If We Were Vampires”
American roots performance: Alabama Shakes, “Killer Diller Blues”
Best Gospel album: CeCe Winans, “Let Them Fall In Love”
Traditional Blues Album: Rolling Stones, “Blue & Lonesome”
Jazz instrumental album: Billy Childs, “Rebirth”
New age album: Peter Kater, “Dancing On Water”
Song written for visual media: Lin-Manuel Miranda, “How Far I’ll Go” (da “Oceania”)
Score soundtrack for visual media: “La La Land”
Compilation soundtrack for visual media: “La La Land”
Musical theater album: “Dear Evan Hansen”
Spoken word album: Carrie Fisher, “The Princess Diarist”
Latin pop album: Shakira, “El Dorado”
Music film: AAVV, “The Defiant Ones”
Music video: Kendrick Lamar, “Humble”
Contemporary instrumental album: Jeff Lorber Fusion, “Prototype”
Dance/electronic album: Kraftwerk, “3-D The Catalogue”
Dance Recording: LCD Soundsystem, “Tonite”

SalvaSalva