ASCOLTA

RADIONOVA97

Traccia corrente

Titolo

Artista


Buon compleanno Adriano, Re degli Ignoranti e delle classifiche musicali

Scritto da il 5 Gennaio 2018

Un’ Epifania davvero speciale questa del 2018 per Adriano Celentano che festeggia il suo ottantesimo compleanno. Un anniversario che sarà celebrato anche con l’imminente uscita della serie animata  “Adrian”, realizzata per la Mediaset con Milo Manara,  ispirata alla sua formidabile vita. Un progetto molto atteso, che intende raccontare l’incontenibile energia creativa che da sempre ha segnato la personalità di uno dei protagonisti assoluti  dello spettacolo in Italia,  con all’attivo 40 film e  ben 200 milioni di dischi venduti nel mondo,  primato nella  storia della musica italiana.

Personaggio carismatico e amatissimo da un vastissimo pubblico – che lo ha sempre seguito nel suo funambolico percorso artistico tra esperienze musicali, cinema, tv e parentesi da “guru” del pensiero ambientalista –  Celentano  è un indiscusso innovatore e  non solo in campo musicale.  Basti pensare alla sperimentazione di idee e linguaggi, rivoluzionari e spesso provocatori, che hanno lasciato impronte indelebili sulla cultura degli ultimi sessant’anni del Belpaese, nonostante si sia definito “Il Re degli Ignoranti”. Un “titolo”  che ha rivendicato con disincantato orgoglio anche nella lettera di risposta all’invito dell’Università di Foggia di ricevere la Laurea Honoris Causa in Lettere e filosofia nel  2006 che rifiutò con queste parole: – ”Ringrazio tutti voi per l’idea coraggiosa e per le motivazioni profonde espresse nei miei confronti nel conferirmi questo importante titolo accademico, ma con un pizzico di presuntuoso dispiacere non posso accoglierlo perché sarei costretto a migliorare.E non voglio prendermi troppo sul serio. Sono e resto sempre il re degli ignoranti”.

Un re che, come è noto, è figlio di due foggiani –  Leontino e Giuditta Giuva –  emigrati prima  in Piemonte e successivamente a Milano, dove  Adriano è venuto alla luce il giorno 6 gennaio del 1938,  in quella via Gluck 14 che è ormai tra gli indirizzi più celebri della musica italiana. Un panorama musicale di cui, dagli anni Sessanta ad oggi, è sempre ai vertici, come dimostra l’attuale terzo posto in classifica dell’ultima raccolta “Tutte le migliori”, un cofanetto che raccoglie i duetti più belli  con l’amica di sempre, la leggendaria Mina, con cui nel 1998 ha omaggiato le sue origini familiari col brano “Che t’aggia dì”, cantato in dialetto foggiano. Il cuore della musica a Foggia, si muove anche al ritmo di Re Adriano.