Bandiera sulla luna: l’”Azzurro” ritorno di Erica Mou

Written by on 13 novembre 2017

Ci sono una serie di artisti, soprattutto cantautori, che ci stanno particolarmente a cuore e di cui seguiamo le tracce. Una di queste è proprio Erica Mou. Alcuni di voi la conosceranno, per altri sarà l’occasione giusta per farlo, ma sta di fatto che, in quanto cantautrice pugliese (di Bisceglie), per un motivo o per un altro, da queste parti, se ne sente parlare. A Foggia, l’ei fu “Tolleranza Zero” l’ha ospitata più volte nel suo piccolo, preziosissimo, spazio dedicato alla musica live, ma l’ultima volta che abbiamo avuto il piacere di vederla esibirsi è stato lo scorso 15 Aprile al Teatro della Polvere, per una data che chiudeva un lunghissimo tour di circa quindici mesi.

 

 Ebbene, dopo una lunga attesa, Erica ha finalmente annunciato l’uscita del suo quinto album in studio, “Bandiera sulla luna”, che vedrà la luce il prossimo 1 Dicembre. Di questo album, noi seguaci, sappiamo pochissimo: l’unico singolo ad essere stato rilasciato finora, è una cover della celeberrima “Azzurro”. Incisa da Adriano Celentano, ma scritta dal maestro Paolo Conte, nel lontano 1968, questo cult della musica italiana torna a vivere, esatta
mente 50 anni dopo, attraverso la voce e l’arrangiamento di Erica Mou (con la collaborazione dei suoi musicisti).
Prima di entrare nel canale YouTube e premere “play”, si potrebbe certamente temere un errore madornale. Misurarsi con una canzone immensa, scritta e interpretata da due tra i più grandi del panorama musicale italiano, è sicuramente una prova ardua, della quale però la cantautrice non ha paura. E, a onor del vero, c’è da dire che ascoltandola, si ha la fortissima impressione di non aver mai, veramente, ascoltato “Azzurro” fino ad ora. Questo perché la giovane cantautrice riesce penetrare in un brano così semplice, e per questo così difficile da rendere proprio, per restituirlo a chi ascolta attraverso un punto di vista totalmente nuovo. Lo spoglia dell’inflazione a cui è stato sottoposto, lo bagna delle sue emozioni e ce lo rende, zuppo di una profondità nuova, impensabile.
I complimenti vanno fatti, sicuramente, anche all’arrangiamento realizzato con il violoncello di Flavia Massimo, il pianoforte di Andrea Iammarino e Giuseppe Saponari live electronics.
Il video, girato nella mansarda in cui è stato prodotto il disco, riprende il colore azzurro con una delicatezza e una dolcezza in perfetto accordo con la voce, rendendo la dolce Mou, giustamente, protagonista.
Dalle parole di Paolo Conte, alle chitarre e le spiagge nelle gioventù di tutta Italia, a Erica Mou e di nuovo a voi. Buon ascolto.